Bellegra - Guida Turistica

CERCA ALBERGHI
Alberghi Bellegra
Check-in
Check-out
Altra destinazione


.: DA VEDERE
 Il centro storico del piccolo borgo è un intricato dedalo di viuzze dai mille scorci.
 La parrocchiale di San Nicola e santa Maria de Arce, gioiello del barocco laziale, conserva al suo interno affreschi del XX secolo.
 Nella parte nuova della città si trova il vasto giardino pubblico, dal quale si può ammirare lo splendido panorama.
 Sparsi nel paese si possono trovare resti delle mura ciclopiche, di cui se ne può ammirare un ampio tratto nella piazza San Sisto, dove sorge la moderna chiesa parrocchiale .
 Poco distante da centro si trova il convento dei Frati Minori di San Francesco, detto anche Nido dei Santi per i numerosi frati che qui hanno vissuto in odore di santità, che conserva al suo interno un prezioso crocifisso ligneo e numerose reliquie.
 Nei locali attigui alla chiesetta è allestito un museo con memorie dei santi che sono vissuti nel convento.
La GROTTA dell'ARCO.
 A circa 4 km. ad Est dal centro abitato di Bellegra, vi è una area di grande rilevanza ambientale che si estende tra la Valle Cupa e la zona conosciuta con il toponimo Le Cese interessata da vistosi fenomeni carsici. Caratteristica è una depressione carsica, la valle del Pantano dove, fino al inizio del 900’, esisteva un lago, prosciugato nel 1911 per utilizzazione agricola. Da questo piccolo bacino e da un suo emissario sotterraneo si è originato un fenomeno di carsismo naturale “le Grotte dell’Arco”, lunghe quasi 1.000 m. Sono denominate “Grotte dell’Arco” perché ad una trentina di metri più a valle dalla sua entrata, si trova un arco naturale di pietra. Sono le uniche della Provincia di Roma. Oggi sono facilmente raggiungibili grazie ai nuovi lavori di pavimentazione della strada rurale. La visita delle grotte risulta estremamente suggestiva per la ricchezza di stalattiti, stalagmiti, inghiottitoi, camere e per l'osservazione della fauna di grotta in particolare chirotteri, anfibi e ancora micro e mesofauna tipica di tale strutture. Lo sviluppo della grotta è soprattutto in lunghezza piuttosto che in profondità consentendo un accesso relativamente agevole.